Batman tagged posts

Sempre presente da 25 anni: Batman The Animated Series

Il 5 settembre ’92 andava in onda il primo episodio di Batman The Animated Series. Non solo un cartoon intelligente e adulto, ma anche il miglior modo con cui in DC Universe è stato raccontato ai profani.


Ci sono serie televisive (telefilm o cartoni animati) che vengono ricordate come specchio della loro epoca (vedi Miami Vice con gli anni ’80). Altre diventano classici intramontabili, al di là del tempo e delle mode, ma che sono inevitabilmente un qualcosa di lontano nel tempo, e per questo impreziosite dal valore affettivo-nostalgico.

Batman: The Animated Series (comunemente abbreviato in BTAS) è un qualcosa che va oltre tutto questo. È forse l’unica serie animata occidentale a non essere vissuta come un fenomeno del passato, ma come un qualcosa di ancora presente.

Vuoi perché nel ...

Read More

Superman è morto. Viva Superman.

L’iniziativa DC: Rebirth ci ha restituito il passato degli eroi, e ci ha ridato il VERO Superman. È sempre lui, anche se non porta più le mutande sopra ai pantaloni.

DC-Comics-Rebirth-splash-Batman-Superman-Wonder-Woman

Ci risiamo. Il problema della DC Comics è che, malgrado i suoi eroi siano noti grazie agli altri media (cinema, tv, videogames…), spesso i giovani non ne leggono i fumetti (iniziati negli anni ’30-’40) per paura di dover recuperare tonnellate di vecchi numeri al fine di comprendere le storie attuali.

Ogni tanto è quindi necessario un “colpo di spugna” alla continuity per cancellare parte del passato e facilitare l’inizio della lettura alle nuove generazioni.

Da gennaio la DC Comics ha quindi varato anche in Italia l’iniziativa editoriale Rebirth: tutte le sue testate principali hanno azzerato la numerazione e la p...

Read More

Batman v Nietzsche: The Killing Joke

In occasione del film animato, rispolveriamo un capolavoro della mitologia supereroistica e del fumetto tout-court. Ma il film sarà all’altezza?

4eaa6c13a05bc

Da alcuni giorni è uscito il film d’animazione della collana DC Animated Universe della Warner Bros tratto da Batman: The Killing Joke. Il film è visibile sottotitolato in italiano su itunes.
Scritta dal più grande sceneggiatore vivente, Alan Moore (V per Vendetta, Watchmen) e disegnata dall’iperrealistico e certosino Brian Bolland (ora perlopiù copertinista, per via della sua comprensibile lentezza), la graphic novel The Killing Joke (1988) è considerata una delle migliori storie di Batman mai realizzate.

Bolland (in primo piano) e Moore (il barbone dietro)

Bolland (in primo piano) e Moore (il barbone dietro)


Moore non l’ha mai amata particolarmente, eppure ha tutto ciò che si possa desid...

Read More

R.I.P. Yvonne “Batgirl” Craig

Lunedì 17 agosto è scomparsa a 78 anni, nella sua casa nella Pacific Palisades (un distretto di Los Angeles), Yvonne Craig, la storica Batgirl nella serie tv di Batman degli anni ’60.

yvonne-craig-batgirl

yvonne_craigYvonne Joyce Craig nasce a Taylorville (Illinois) nel 1937. Inizia la sua carriera come ballerina, negli anni ’50, entrando nel corpo di ballo dei balletti russi di Montecarlo, dove viene notata da Patrick Ford, figlio del grande regista John.
Inizia a recitare in tv sul finire del decennio. in un episodio di Perry Mason (The Crazy Lover, del 1958) recita con Neil Hamilton (nei ruoli di suocero e nuora). I due si rincontreranno sul set di Batman come padre e figlia: Hamilton sarà infatti il commissario Gordon.
Yvonne approda poi al cinema con Là Dove il Sole Brucia (1959), accanto al grande Dennis Hopper

Read More

Ladyhawke: la colonna sonora in versione extended

La-La-Land Records, etichetta giovane ma che ha già saputo farsi apprezzare, aggiunge un nuovo titolo alla linea Expanded Archival Collection, che ci ha già regalato altre chicche come le versioni estese delle partiture di Danny Elfman per i Batman di Tim Burton.
Annunciata da più di un anno, dallo scorso 10 febbraio è finalmente disponibile, in una tiratura limitata di 3000 copie, la colonna sonora di Andrew Powell (membro degli Alan Parsons Project) per Ladyhawke (1984).

Plurireplicatissimo (specie nelle prime serate di Italia 1 negli anni ’90), diretto dall’ottimo Richard Donner (Superman, i Goonies, Arma Letale), e sorretto da un cast azzeccatissimo (guidato da Rutger Hauer, Michelle Pfeiffer e Matthew Broderick), Ladyhawke è divenuto un cl...

Read More

Quando le calzamaglie erano una cosa seria: il telefilm di Flash del ’90

Alla fine doveva succedere. Da martedì 20 gennaio arriva in Italia il nuovo telefilm di Flash nato come spin-off di Arrow. In tutta risposta, noi ci addentriamo nel primo telefilm del velocista scarlatto, che probabilmente più giovani tra voi non hanno mai visto (c@°*%i vostri…)

2241813,F0NlQMCPyrrIMoQAk7mMp5ani7sDx+N6xcFOD4ZlSGm3Y+UTbf09pMQVc4mLR42ksrrwE7ue9otRmR433VrFjQ==

Correva (verbo più che mai in tema, parlando di Flash) il biennio 1990-91. Il primo film di Batman, diretto da Tim Burton, aveva registrato incassi record nei cinema di tutto il mondo. Ma soprattutto aveva dimostrato che un fumetto di supereroi -malgrado maschere, calzamaglie eccetera- poteva essere un prodotto denso, avvincente, spettacolare, ricco di suspense ed azione, in grado di attirare un pubblico adulto senza rinunciare a una componente fantastica (capito, Nolan?).
bilson-meoFu così che la Warner Bros, tramite ...

Read More

Gargoyles: 20 anni scolpiti nel mito

Un capolavoro (ormai) vintage per nulla invecchiato, ma soprattutto la dimostrazione che anche la Disney, quando vuole, sa giocare duro. Peccato se ne sia subito scordata…

554177_432556196805851_543340032_n

Sebbene siano passati ormai vent’anni, Gargoyles (da noi Gargoyles: Il Risveglio degli Eroi) rimane la più ambiziosa, matura e spettacolare serie animata mai prodotta dalla Disney.
La serie vide la luce nel 1994, non a caso il periodo più florido per la “casa del topo” per quanto riguarda gli ultimi decenni. Gli incassi stratosferici de Il Re Leone avevano portato a compimento quel processo di rinascita, di ritorno agli antichi splendori, che era iniziato con La Sirenetta (1988) e proseguito con La Bella e la Bestia (1991) e Aladdin (1992), mentre di lì a poco Toy Story (1995) avrebbe mostrato al mondo le mer...

Read More

Batman 25° Appendice: L’Uomo delle Figurine Drogate.

Dicevamo, nell’altro articolo, del 25° anniversario del Batman di Tim Burton. È a suo modo divertente ricordare che, per chi all’epoca era bambino, il film segnò la nascita di uno spauracchio tipico di quella generazione: L’Uomo delle Figurine Drogate.
Come già detto nell’articolo precedente, il film di Burton fu accompagnato da un merchandise sterminato, tra cui uno splendido album di figurine che non credo nessuno riuscì a completare.

Se su ebay trovate uno che ve lo vende COMPLETO, è l'Uomo delle Figurine che vi sta tendendo una trappola.

Se su ebay trovate uno che ve lo vende COMPLETO, è l’Uomo delle Figurine che vi sta tendendo una trappola.

D’un tratto infatti  gli edicolanti iniziarono a dire:

“Le figurine di Batman non me le mandano più. Le hanno sequestrate perché c’era dentro la droga”.

Effettivamente, un tizio di Prato di ritorno da Amsterdam era stato sga...

Read More

Da 25 anni senza tempo: il BATMAN di Tim Burton

Il 2014 non segna solo il 75° anniversario della nascita di Batman, ma anche il 25°  del primo film del Cavaliere Oscuro, il kolossal targato Tim Burton che sta per tornare in una sfavillante edizione Blu-Ray.

batmanlogo

Sì, vabbè, Il Cavaliere Oscuro di Christopher “tristone” Nolan si prende meno libertà rispetto al fumetto, ha scene d’azione più spettacolari, e soprattutto raggiunge una maggiore profondità psicologica e morale. Tuttavia i primi due Batman, diretti da Tim Burton (quando non s’era ancora fossilizzato nel suo stesso stile) mantengono un fascino unico. Senza contare che anch’essi a loro tempo  furono considerati più complessi ed adulti rispetti alla media, rappresentata dai Superman con Christopher Reeve (che, per quanto perfetti e bellissimi, rientravano nella logica del fi...

Read More

Aveva ragione Sgarbi: il nuovo corso di Batgirl

Il nuovo team creativo della collana solista di Barbara Gordon non promette bene per chi ama le consuete atmosfere batmaniane.

Un bel selfie da bimbaminkia e cominciamo alla grande!

Un bel selfie da bimbaminkia e cominciamo alla grande!

 

Vittorio Sgarbi dice di non essersi mai sposato perché secondo lui il matrimonio è un equivoco. Infatti sposarsi significa impegnarsi ad amare, rispettare e vivere per sempre con la stessa persona. Il problema è che le persone non restano sempre uguali nel corso degli anni, ma cambiano fisicamente e caratterialmente.

Vittorio-sgarbi
…E se una persona non è più quella di cui mi sono innamorato ma un’altra, io ne voglio altre, e da qui il tradimento, che è una sovrastruttura che nasce dal matrimonio…

Mai mi sarei aspettato che lo stesso principio sarebbe valso per il rapporto che lega il lettore nerd alla...

Read More