animazione tagged posts

R.I.P. Isao Takahata (1935-2018)

Ci ha lasciati a 82 anni Isao Takahata, socio storico del più celebre Hayao Miyazaki (e co-fondatore dello Studio Ghibli).

Diresse alcuni episodi di Lupin III (prima serie), inaugurando poi il filone World Materpiece Theatre (serie giapponesi tratte da classici della letteratura occidentale) con Heidi, Anna dai Capelli Rossi e Marco (che, pur essendo tratto dall’italiano Dagli Appennini alle Ande di De Amicis, curiosamente dei tre è il meno replicato in Italia).

Al cinema debuttò nel ’68 con La Grande Avventura del Piccolo Principe Valiant, ma il suo capolavoro arrivò vent’anni dopo, con lo straziante Una Tomba per le Lucciole (1988): ambientato durante la seconda guerra mondiale, narra del piccolo orfano Seita e della sorellina Setsuko, abbandonati a se stessi in un mondo in pezz...

Read More

Duck Tales 2017: la recensione del primo episodio.

Sono tornati. Disegnati male, ma sono tornati!

Lo scorso sabato 12 agosto è andato in onda negli USA “Woo-oo!”, il primo doppio episodio della serie reboot di Duck Tales (ne avevamo parlato QUI e QUI).
Essendo la serie madre vecchia di 30 anni, gli autori hanno optato per ri-narrare tutto dal principio, e si sono tenuti lontano tanto dai vecchi episodi quanto dalle gloriose storie a fumetti di Carl Barks e Don Rosa (non che ai bambini d’oggi avrebbe fatto male farsi una cultura, ma vabbé…)

TRAMA (occhio agli spoiler)
Paperino in passato ha affiancato Paperone in molte di quelle avventure che hanno reso quest’ultimo il papero più ricco del mondo. Poi, per motivi ignoti, i due non si sono più parlati per undici anni.
Undici anni nei qu...

Read More

Ma il reboot non poteva scriverlo Straczynski? The Real Ghostbusters

Potevamo accanirci sul reboot, come tutti. Ma perché indugiare sul brutto quando si può stroncarlo elogiando il bello?

the-real-ghostbusters-post

Esattamente 30 anni fa, nel settembre del 1986, andava in onda per la prima volta la serie animata The Real Ghostbusters, creata come sequel diretto del mitico film di Ivan Reitman.

Quando gli apparentemente “tarocchi” sono in realtà gli originali

La serie fu prodotta dai due sceneggiatori/interpreti del film, Harold Ramis e Dan Aykroyd, dalla stessa casa di produzione, la Columbia, e dalla Dic Entertainment, società franco-statuinitese specialista in cartoons.

Al titolo fu aggiunto un “The Real” per distinguerla da un altro cartone, intitolato semplicemente Ghostbusters, prodotto nello stesso periodo dalla Filmation, casa di produzione celebre per He-Man e i Dom...

Read More

Batman v Nietzsche: The Killing Joke

In occasione del film animato, rispolveriamo un capolavoro della mitologia supereroistica e del fumetto tout-court. Ma il film sarà all’altezza?

4eaa6c13a05bc

Da alcuni giorni è uscito il film d’animazione della collana DC Animated Universe della Warner Bros tratto da Batman: The Killing Joke. Il film è visibile sottotitolato in italiano su itunes.
Scritta dal più grande sceneggiatore vivente, Alan Moore (V per Vendetta, Watchmen) e disegnata dall’iperrealistico e certosino Brian Bolland (ora perlopiù copertinista, per via della sua comprensibile lentezza), la graphic novel The Killing Joke (1988) è considerata una delle migliori storie di Batman mai realizzate.

Bolland (in primo piano) e Moore (il barbone dietro)

Bolland (in primo piano) e Moore (il barbone dietro)


Moore non l’ha mai amata particolarmente, eppure ha tutto ciò che si possa desid...

Read More

La matita vince sul mouse: la prima immagine di Duck Tales (il reboot)

Tra film computerizzati e telefilm in carne ed ossa, la Disney sembra stia per riappropriarsi dei suoi personaggi e dello stile “a matita”.

La Disney ha rilasciato la prima immagine ufficiale del reboot di Duck Tales previsto per il 2017.
A quanto pare la grafica sarà molto più vintage di quella della serie anni ’80.

DT

All’inizio sarà strano abituarcisi (specie per quei personaggi come Jet McQuack, nati proprio con Duck Tales e mai “riletti” in altri stili), ma almeno abbiamo scampato l’infausta e onnipresente CGI.
E, considerando che ormai alla Disney il reparto animazione 2D è ridotto a tipo cinque persone (che schizzano il personaggio da rifare poi a computer), questo lascia ben sperare per una rinascita dell’animazione tradizionale anche al cinema.
In fondo, già negli anni ’80 l...

Read More

Buon Gargoyles Day!

Oggi è il 19 dicembre. Esattamente un anno fa pubblicammo un articolo commemorativo sui vent’anni di Gargoyles, ad oggi la più ambiziosa e matura serie animata Disney di sempre.
All’epoca avevamo intenzione di corredare l’articolo con alcuni nostri disegni, a testimonianza del nostro affetto per la serie, ma per questioni di impegni e tempistiche, la cosa non andò in porto.
Un paio di illustrazioni le abbiamo comunque finite, per cui abbiamo deciso di pubblicarle ad un anno esatto dall’articolo. Speriamo che vi piacciano.

Gargoyles-Claudecomp

Claudio

gargocol-finoracomp
Giovanni

 

Gargoyles © Disney

Read More

Grazie Google: l’anniversario di Lucy Maud Montgomery

Cogliamo l’assist offerto da Google per parlare dell’autrice di “Anna dai Capelli Rossi”, celebrandola con quattro chiacchiere, due sigle, e una nostra  fan-art.

Se ci avete fatto caso aprendo il browser, oggi il doodle di Google celebra il 141° anniversario della nascita di Lucy Maud Montgomery.

doodle
lucy-maud-montgomerys-141st-birthday-6360410059964416.3-5721036024709120-ror
lucy-maud-montgomerys-141st-birthday-6360410059964416-5140178205147136-ror
Una scrittrice poco nota in Italia, ma decisamente da riscoprire, in grado di  raccontare il passaggio dall’infanzia all’età adulta come una Louisa May Alcott, con quel mix di ironia e saggezza degno di un Mark Twain, il tutto attraverso gli occhi di ragazzine romantiche e sognatrici che sarebbero piaciute a Jane Austen.
Il popolo nerd la conosce per la trasposizione animata giapponese del suo libro più famoso, Anna dai Capelli Rossi, diretto da Isao Takahata (Heidi, Una Tomba per...

Read More

Il meglio è già venuto, quindi va bene: Cenerentola (2015)

L’originalità non è tutto: Kenneth Branagh si preoccupa di non offendere la materia originale, più che di sorprendere con riletture inedite. E fa bene.

Ottimo. Un piccolo capolavoro di brio, humor, ritmo e trovate.

Bene, ora basta parlare di Frozen Fever, proiettato come antipasto, e veniamo al piatto forte, il Cenerentola live action targato Disney e diretto da Kenneth Branagh.

Come avrete intuito da una vignetta del capo di qualche tempo fa, noi ciurma di “Pelapatate” siamo sempre stati piuttosto scettici verso questa fissa della Disney di rifare in carne ed ossa tutti i suoi classici animati del passato.

Tuttavia dobbiamo ammettere che quest’ultimo Cenerentola sfarzoso e classico offre un buon servigio alla fiaba e agli appassionati, ben più ...

Read More

L’ultimate dell’ultimate della Disney: torna Duck Tales !

L’universo Ultimate? L’ha inventato la Disney trent’anni fa, portando Paperone dalla carta alla tv. E ora la magia sta per ripetersi con una nuova serie prevista per il 2017…

Duck_Tales_Picture

Quando nel 2000 la Marvel varò la collana Ultimate Spider-Man, che ri-narrava da principio la storia dell’Arrampicamuri aggiornandola ai tempi (ad esempio, Peter Parker viene morso da un ragno transgenico anziché radioattivo), molti lodarono l’iniziativa come originale e meritevole di successo (il quale effettivamente arrivò).

Ultimate_Spider-Man_Vol_1_1
Tuttavia l’idea alla base dell’universo Ultimate – ossia rilanciare un mondo immaginario venerando e collaudato in versione moderna – sostanzialmente era già stata attuata dalla Disney nel 1987 con Duck Tales – Avventure di Paperi, serie animata vincitrice di un Emmy e capostipite di alt...

Read More

Spock è tornato tra le stelle.

Si è spento a 83 anni Leonard Nimoy.

Ieri, 27 febbraio 2015, se n’è andato Leonard Nimoy, attore, regista ed icona della fantascienza grazie al ruolo dell’alieno vulcaniano Spock in Star Trek.

Nato a Boston nel 1931, da genitori ebrei ucraini, iniziò a recitare già a otto anni, pur portando avanti parallelamente altri studi, fino a diplomarsi in scienze dell’educazione.

Trascorse anche un certo periodo come riservista nell’esercito, congedandosi col grado di sergente nel 1955.

Nei primi anni ’60 ricoprì piccoli ruoli in B-movies e telefilm (come il poliziesco Dragnet)

tumblr_lind297z4S1qfd6ajo1_500

Tra le prime parti da protagonista ci fu un episodio di Ai Confini Della Realtà.

Tra il 1966 e il ’69 interpretò Mr. Spock, secondo ufficiale dell’astronave Enterprise nel telefilm cult Star Trek...

Read More