L’eleganza del macabro – R.I.P. Bernie Wrightson

Se n’è andato un gigante del fumetto, specie quello horror-fantastico, a cui perfino Alan Moore e Neil Gaiman devono qualcosa .

Bernie_Wrightson
Nato in Maryland nel 1926, Bernie Wrightson iniziò ad apprendere i rudimenti del disegno grazie al programma tv You Are an Artist, di John Gnagy.

Dopo una fan-art pubblicata su Creepy (testata rivale di Tales from the Crypt) divenne illustratore per il Baltimora Sun. Nel 1967 conobbe il suo massimo ispiratore, il maestro della fantasy Frank Frazetta, a una convention a New York.
L’anno seguente Dick Giordano, editor alla DC Comics, lo assunse come disegnatore Freelance.

17_colorcreaturebook_thewitch

Nel 1971 Bernie e lo sceneggiatore Len Wein (il “papà” di Wolverine) crearono il personaggio di Swamp Thing, la creatura della palude. Wein raccontò:
“Bernie aveva appena rotto con una ragazza e seduti in macchina discutevamo sulla vita, sulle cose importanti da fare quando hai 19-20 anni. E a un certo punto dissi: Sai, ho appena scritot una storia che riflette il tuo stato d’animo in questo momento: l’ho chiamata Swamp Thing, e penso dovresti disegnarla” ”.

49c862b4ff568c87a8c68cb0c07c46a3

Il personaggio fu poi portato al successo da Alan Moore con un suo memorabile ciclo di storie nei primi anni ’80, con le quali Moore creò a sua volta il personaggio di John Constantine (poi protagonista di una collana tutta sua, Hellblazer). Nello stesso periodo fu realizzato un film diretto niente meno che da Wes Craven, finito però nel dimenticatoio.

Screen-Shot-2014-05-13-at-12.13.43-PM

Sempre negli anni ’70, in coppia con Marv Wolfman, Bernie ideò il personaggio di Destino, anche questo portato poi alla ribalta negli anni ’80 da un altro gigante del fumetto contemporaneo: Neil Gaiman ne fece infatti il fratello maggiore del suo Sandman.

7cd662fb1acb5cf3766fa0f518a07008

Nel ’75, insieme ai colleghi disegnatori, Michael Kaluta (The Shadow), Barry Windsor-Smith (Conan il Barbaro) e Jeff Jones, formò il team creativo “The Studio”, col quale affinò il suo talento per le storie horror, grazie al suo tratto tenebroso e dettagliato che avrebbe fatto scuola. Risalgono a quel periodo le trasposizioni a fumetti di Frankenstein di Mary Shelley e di vari racconti di Edgar Allan Poe e di Howard P. Lovecraft.


Nel 1980 uscì il film animato per adutli Heavy Metal, basato sulla rivista di fumetti di fantascienza francese Metal Hurlant (che lanciò Moebius e altri maestri). Uno degli episodi che compongono il film, Captain Sternn, è basato sul personaggio creato da Wrightson per la rivista.

captain-stern-screenshot

Due anni dopo illustrò l’adattamento a fumetti del film Creepshow, omaggio a Tales from the Crypt, diretto da George A. Romero (La Notte dei Morti Viventi) su sceneggiatura di Stephen King.

creepshow_00acvr
Proprio per King, Wrightosn curò le illustrazioni per alcuni libri della serie della Torre Nera.

dt5-09

Parallelaente firmò le cover di diversi dischi, tra cui alcuni di Meat Loaf.

590px-MeatLoafDeadRinger

In tempi più recenti ideò l’aspetto dei Reavers, i mostruosi alieni cannibali del telefilm sci-fi/western Firefly di Joss Whedon (Buffy l’Ammazzavampiri).

Fireflyreaver

Nel 2005 Dario Argento adattò una storia breve di Bruce Jones disegnata da Bernie in Jenifer- Istinto Assassino, un episodio della serie antologica Masters of Horror.

tumblr_mooeawnPnB1sqi2omo6_1280

É scomparso il 19 marzo 2017 per un tumore al cervello che a gennaio l’aveva costretto al ritiro.

100_0206-e1405300147238

Giovanni

Immagini prese da Google. © degli aventi diritto.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>