Ladyhawke: la colonna sonora in versione extended

La-La-Land Records, etichetta giovane ma che ha già saputo farsi apprezzare, aggiunge un nuovo titolo alla linea Expanded Archival Collection, che ci ha già regalato altre chicche come le versioni estese delle partiture di Danny Elfman per i Batman di Tim Burton.
Annunciata da più di un anno, dallo scorso 10 febbraio è finalmente disponibile, in una tiratura limitata di 3000 copie, la colonna sonora di Andrew Powell (membro degli Alan Parsons Project) per Ladyhawke (1984).

Plurireplicatissimo (specie nelle prime serate di Italia 1 negli anni ’90), diretto dall’ottimo Richard Donner (Superman, i Goonies, Arma Letale), e sorretto da un cast azzeccatissimo (guidato da Rutger Hauer, Michelle Pfeiffer e Matthew Broderick), Ladyhawke è divenuto un classico del cinema anni ’80 e del genere fantasy in generale.

laoca

Questo grazie non solo al perfetto equilibrio tra avventura, amore e commedia, ma anche a scelte stilistiche in controtendenza che ne hanno fatto un film fuori dal tempo e dalle mode, come l’idea di ambientare una fiaba nel medioevo del mondo reale, o l’assenza di effetti speciali nelle trasformazioni dei protagonisti. Al contrario, la colonna sonora risulta tipicamente ancorata alle tendenze musicali della sua epoca.

Trattandosi di un film ambientato nel medioevo, ci si sarebbe aspettati una partitura a base di melodie celtiche o ballate rinascimentali, invece ecco che la produzione si affidò agli Alan Parsons Project.
Alan Parsons era un tecnico del suono (aveva lavorato a dischi leggendari come Sgt Pepper’s dei Beatles e Dark Side of the Moon dei Pink Floyd), Eric Woolfson (1945-2009) era il manager di Carl “Kung-Fu Fighting Douglas, mentre Andrew Powell era un tastierista e direttore d’orchestra che aveva collaborato anche con Kate Bush e i Kansas. Insieme formarono una delle realtà progressive rock più interessanti degli anni ’80.

da sinistra: Alan Parsons, Eric Woolfson e Andrew Powell

da sinistra: Alan Parsons, Eric Woolfson e Andrew Powell

 

Powell, cimentandosi con Ladyhawke sotto la produzione di Parsons e Woolfson, diede vita ad uno score che sorprende ancora oggi per il modo in cui passa con naturalezza da una tastiera carica di mistero, quasi onirica, ad un tema prog-rock perfetto per l’avventura in cui fanno capolino corni cavallereschi e canti gregoriani.

Snobbata dalla critica in un periodo in cui l’holy master John Williams impazzava con le sue classiche e sontuose composizioni orchestrali (ispirando allievi illustri come James Horner), la soundtrack di Ladyhawke resta un brillante esempio di colonna sonora classica e contaminazione pop, che ha segnato una strada portata avanti da altri con risultati talvolta eccellenti (basti pensare a Michael Kamen, che collaborò con i Queen per Highlander e Bryan Adams per Robin Hood: Principe dei Ladri).
Ladyhawke: Original Motion Picture Soundtrack fu pubblicata per la prima volta nel 1985, e ristampata nel 1996 con brani inediti.
L’attuale versione della La-La-Land contiene ulteriori pezzi non utilizzati nel film o rielaborazioni.
La cover riprende la bellissima illustrazione realizzata dal maestro Drew Struzan come locandina originale del film.

Layout 1retroooo

Giovanni

Immagini prese da Google © degli aventi diritto.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>