Highlander: versione masterizzata in 4k in arrivo.

Noi Pelapatate non siamo gli unici ad esserci ricordati del 30° anniversario dell’inizio della saga degli immortali.
Come successo due anni fa per Ghostbusters, anche il primo Highlander è stato restaurato e rimasterizzato in 4K, partendo dai negativi originali della Deluxe London, sotto la supervisione del regista Russell Mulcahy.

Questa nuova versione debutterà il 18 giugno al festival internazionale del cinema di Edimburgo, per la precisione al complesso Cineworld di Fountain Park, dove presenzierà anche l’attore Clancy Brown (Kurgan nel film).

Dopodiché sarà distribuito anche in alcune sale statunitensi per poi uscire in Dvd e blu-ray Studio Canal sui mercati di lingua inglese a partire dall’ 11 luglio. Ecco l’artwork in anteprima.

151966_slip

Molti attendevano un’operazione simile, dal momento che, da quando si è passati dalle videocassette ai supporti digitali, Highlander ha sempre dato problemi qualitativi su cui i più esperti non hanno saputo soprassedere.

L’edizione in Dvd, edita in Italia da Universal, ha una qualità audio/video non troppo superiore alle Vhs, e i contenuti extra sono al minimo sindacale: giusto una breve intervista a Christopher Lambert e il trailer originale inglese.

71vE2vn20-L._SL1024_

La situazione si è arricchita con l’edizione Blu-Ray (sempre Universal), disponibile sia con copertina normale sia “fumettosa” (nella collana Reel Heroes Edition).

igi

Qui, oltre agli extra del Dvd, si aggiungono il commento audio di Russell Mulcahy, un’intervista alla coprotagonista Roxanne Hart (Brenda Wyatt nel film), e due maxi interviste di circa 40 minuti, una al produttore William Panzer e allo sceneggiatore Gregory Widen (che narrano come nacque l’idea di Highlander) e una allo scenografo Allan Cameron e al direttore della fotografia Gerry Fisher (che spiegano la realizzazione tecnica della pellicola). Ci sono pure delle “scene inedite”, che però sono in realtà momenti già presenti nel film, hanno solo alcune brevi inquadrature in più che Mulcahy tagliò per rendere il montaggio più serrato.

Il problema del blu-ray rimane però la qualità tecnica del film in sé. Mentre immagini e suoni sono sensibilmente migliorati rispetto al Dvd, resta il fatto che l’immagine è spesso sgranata, per molti indegna del marchio FULL HD.

A onor del vero, alcuni hanno sottolineato il fatto che Highlander nacque come film a budget medio-basso. Quindi non è blasfemo supporre che le cineprese e le pellicole utilizzate non fossero di primissima qualità, e che quindi il film presentasse tali pecche già alla nascita. E il digitale, si sa, non può fare il miracolo di creare qualità laddove non c’è in partenza: può solo prendere quel che c’è su pellicola e riprodurlo in pixel il più fedelmente possibile.
D’altro canto, altri hanno fatto notare che le scene risultano più sgranate nelle scene buie e più nitide in quelle alla luce. Ciò ha fatto sorgere il dubbio che il restauro fosse possibile, ma che gli addetti ai lavori abbiano operato solo là dove il miglioramento si sarebbe notato maggiormente.

L’edizione masterizzata in 4k toglierà finalmente ogni dubbio su come sia Highlander nella miglior qualità possibile. E aggiungerà, a tutti gli extra di cui sopra, una nuova intervista a Lambert, una a Mulcahy (alleluia), un making of in quattro parti e, giusto per non farsi mancare nulla, anche il trailer verrà gonfiato in HD.

Nell’attesa e nella speranza che venga pubblicato in blu-ray anche da noi, vi lasciamo con il nostro esclusivo fan-poster commemorativo.

da stampare

 

Lo trovate in qualsiasi formato e su qualsiasi supporto (dallo skin per iphone al copriletto) QUI.

Giovanni

Immagini perse da Google. © degli aventi diritto.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>