Category Fumetti

È ufficialmente una milf: i quarant’anni di Lamù

Per me era un mostro bipolare con canini, corna e orecchie a punta. Ma per molti della mia generazione è stata -ahem…- la donna che li ha resi uomini.

Nel 1981 debutta sugli schermi tv giapponesi Urursei Yatsura, serie anime tratta dall’omonimo manga creato da Rumiko Takahashi tre anni prima.

Urusei Yatsura (che significa all’incirca “Quei rompiscatole della stella Uru”) ha vinto il premio Shogakukan sia per la categoria shonen (i manga per il pubblico maschile) sia per la shojo (quelli per il pubblico femminile), diventando il primo successo della Takahashi, che poi sceneggerà e disegnerà altri classici come il romantico Maison Ikkoku, il demenziale Ranma ½ e il fantasy Inuyasha.

In Italia il fumetto giungerà solo nel 1991, mentre la serie animata arriva già nell’83, col titolo ...

Read More

L’horror che piace a tutti: Ammazzavampiri (Fright Night, 1985)

Un omaggio all’horror anni ’50 immerso in un’atmosfera da teen movie anni ’80. Tra ironia ed effetti speciali sublimi, il film di Tom Holland è ancora, dopo 35 anni, un gioiellino unico del suo genere. Ad Halloween è perfetto, anche per i profani.

Ammazzavampiri (Fright Night, 1985) è il primo film del bravo, sottovalutato, e non molto prolifico, Tom Holland, regista classe ’43, solamente omonimo dell’attore che interpreta Spider-Man, e noto soprattutto per il successivo La Bambola Assassina.

In Italia fu trasmesso in prima tv il 13 luglio 1990, nel mitico contenitore di Italia 1 Venerdì con Zio Tibia (antesignano dell’odierna Notte Horror), e da allora è rimasto il film ideale per le seconde serate estive, o per la sera di Halloween.

Un film da vedere da soli o meglio ancora in co...

Read More

Val Kilmer: perché è Forever

Dover riflettiamo sul perché Kilmer è il Batman migliore (ma solo per esclusione). E sul fatto che Joel Schumacher, in fondo, era un bravo guaglione.

 

“Ne vengono fatti molti ultimamente, ma il migliore resta il mio Batman Forever: pieno di sesso e ironia ma fedele al fumetto”
(Joel Schumacher, sul fenomeno dei cinecomics. E sull’autostima.)

Questo 20 giugno è venuto a mancare l’ottantenne Joel Schumacher. Regista odiatissmo dai fumettari per gli sgangherati Batman Forever (1995) e Batman & Robin (proverbiali i “bat-capezzoli” in rilievo sui costumi,; Schumacher era dichiaratamente gay).

Eppure Joel non era l’ultimo arrivato. Magari non sarà stato un autore con uno stile personale e riconoscibile, ma di certo non gli mancava il talento nella messa in scena e la competenz...

Read More

Joker Leone D’Oro? Ridi, Pagliaccio!

Più un cinecomic è poco “comic” e più viene incensato. C’è poco da stare allegri…

OK, l’abbiamo saputo tutti. Joker, il film sulle origini della nemesi di Batman, diretto da Todd Phillips (Una Notte da Leoni) ma pesantemente supervisionato da Martin Scorsese, ha vinto il Leone D’Oro a Venezia.
Il film è un capolavoro assoluto, Joaquin Phoenix è il più grande attore di tutti i tempi, bla bla bla…

Ma cosa sappiamo da quanto è trapelato dal trailer e da vari rumors?
Che la pellicola non ha nulla da spartire con la genesi del personaggio come narrata nei fumetti, e che gli unici legami con la pagina disegnata sono la presenza di Thomas Wayne (interpretato da Brett Cullen, lo sceriffo Sam Cain de I Ragazzi della Prateria), un piccolo Bruce (che, data la differenza d’età, da grand...

Read More

Le quotidiane (dis)avventure di un giustiziere metropolitano: City Hunter torna al cinema.

Il 2-3-4 settembre Dynit e Nexo Digital portano nelle sale italiane City Hunter: Private Eyes, il nuovo film animato tratto dal manga cult del maestro Tsukasa Hojo, che ci regala anche un inaspettato crossover col suo capolavoro precedente, Cat’s Eye – Occhi Di Gatto. Quale occasione migliore, quindi, per dare una ripassata a uno dei manga/anime più popolari di sempre?

City Hunter è realizzato a partire dal 1985 al 1992 come manga (sulla rivista Shonen Jump), e dal 1987 al 1991 come anime.
Per varie questioni, sia la versione cartacea sia quella animata sono giunte in Italia solo a partire dal ’96: Il manga è stato pubblicato dalla Star Comics in 39 numeri mensili, dal settembre di quell’anno al marzo del ’99...

Read More

Non può piovere per un quarto di secolo: i 25 anni de “Il Corvo”

Il 13 maggio 1994 usciva nelle sale Il Corvo. Divenuto instant-cult, è stato poi ridimensionato in base alla scuola di pensiero del: “Eh, ma se non moriva Brandon, Il Corvo restava un filmetto da venerdì sera su Italia 1…”. Beh, questa NON è la nostra filosofia.

Tra i miei cinecomic preferiti, Il Corvo è quello che riguardo di meno. Sarà la sua fama di film maledetto, ma sta di fatto che una volta l’ho guardato ed è crollato un pezzo di cornicione da casa mia, un’altra volta mio padre ha avuto una emorragia dal naso e ho dovuto portarlo di notte al pronto soccorso. Insomma, come si dice: “Non è vero, ma ci credo”.

Vabbé, finite le note autobiografiche (e sperando di arrivare vivo alla fine dell’articolo), partiamo con la sigla:

Una vecchia leggenda narra che, quando accade qu...

Read More

INCRINE: Una storia condivisa

Qualche mese fa, sulla nostra pagina Facebook, vi avevamo accennato ad Incrine un progetto a fumetti collettivo, ideato e scritto da Massimo Faini e disegnato da oltre 70 artisti tra professionisti ed esordienti, tra cui il nostro Giovanni Alessi.

Mercoledì 19 dicembre, alle ore 21:00, presso la Biblioteca di Palazzolo Sull’Oglio (Bs) in via Lungo Oglio C. Battisti 17, si terrà la presentazione ufficiale dell’opera.
L’organizzazione dell’evento è a cura dell’associazione Tabula Rasa. Lo sceneggiatore e alcuni dei disegnatori saranno presenti per rispondere a domande, firmare copie eccetera.

La sinossi dell’opera

Un uomo si risveglia nella spazzatura con un proiettile in testa e senza più alcun ricordo...

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog (quarta parte)

Gli episodi precedenti QUI, QUI e QUI

 

 

(Continua…)

 

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog (terza parte)

Gli episodi precedenti QUI e QUI

 

 

(Continua…)

 

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog

I giapponesi hanno un termine, doujinshi, per indicare delle storie a fumetti realizzate dai fan (ma anche dai professionisti) per dilettarsi coi propri personaggi preferiti, non solo del mondo delle nuvole parlanti, ma anche del cinema, dei romanzi, dei videogames, delle serie tv eccetera.

Le doujinshi vengono pubblicate gratuitamente, o vendute in quantità limitata, al fine di non ledere il diritto di copyright sui personaggi utilizzati.

Quella che noi Pelapatate vi presentiamo a puntate a partire da oggi è a tutti gli effetti una doujinshi dedicata a Dylan Dog, che il nostro Giovanni Alessi ha illustrato a partire da una storia originale dei nostri amici Giovanni Cecala e Cece Dake.

Era da un bel po’ che sul nostro sito non proponevamo i nostri lavori, l’ultimo era stato “Fuga da Sali...

Read More