Search results for 'robocop'

ROBOCOP: quel telefilm che, in fondo…

Nel 1993, poco prima dell’uscita del terzo film nelle sale, l’emittente canadese CTV iniziò a trasmettere Robocop – The Series, versione televisiva del nostro cyber-eroe composta da un film pilota più ventuno episodi da un’ora.



All’epoca i telefilm erano ben lontani dalle efferatezze e dalla pornografia di Spartacus, Game of Thrones et similia, senza contare che in questo caso il target di riferimento era chiaramente quello dei ragazzini, ragion per cui la serie si dimostrò da subito lontana dalla crudezza delle pellicole da cui era tratta.
E, paradossalmente, proprio per questo suo tentare di essere adatta al più vasto pubblico possibile, la serie fece flop, o perlomeno non riscosse un successo sufficiente da far commissionare altre stagioni.
series-pic12Il pubblico, evidentemente, ...

Read More

ROBOCOP 3: peccato per Dekker…

Dopo il primo e il secondo capitolo, riesumiamo oggi il terzo capitolo (datato ’93) della saga del cyber-poliziotto per antonomasia.

Iron Man, puppa la favaaa...

Iron Man, puppa la favaaa…


Il film si apre con la Kenmitsu, megaditta giapponese (in odore di yakuza, of course), che si compra in blocco la cara, vecchia OCP, e con essa mezza Detroit.
I giapponesi decidono di radere al suolo i quartieri più degradati per far sorgere un nuovo complesso, e assoldano dei mercenari comandati dallo spietato Paul McDaggett (John Castle) per far sloggiare gli abitanti con la forza.
Robocop prima, e il resto del dipartimento poi, si ritroveranno al fianco dei cittadini sfrattati.


C’è poco da dire. Se il secondo film qualche spunto lo offriva, questo terzo capitolo è stato rifiutato da tutti, e i motivi si possono elencare...

Read More

Robocop 2: è complicato…

Generalmente sottovalutato, è invece un sequel interessante e controverso.

3645278_orig

Dicevamo l’altra volta che il recente reboot di Robocop aveva come unico pregio quello di far rivalutare non solo il primo film ma anche tutto il franchise che ne scaturì in seguito.
Oggi parleremo appunto del primo seguito,  quel Robocop 2 (1990) che ha sempre diviso il pubblico: sequel dignitoso o vaccata?
Innanzitutto diciamo che il regista, la buonanima di Irwin Kershner, era noto soprattutto per L’Impero Colpisce Ancora (dove era tutto già pianificato da George Lucas) e per Mai Dire Mai (sostanzialmente un remake di Thunderball – Operazione Tuono). Insomma un buon mestierante che sapeva mettersi al servizio della storia che gli veniva affidata.
Robocop 2 è in primis un film del suo sceneggiatore,

Read More

ROBOCOP – Il reboot che non riavvia nè reinventa.

Quando il 1987 descrive il futuro meglio del 2014…

Quando il 1987 descrive il futuro meglio del 2014…

Quando, qualche anno fa, Darren Aronofsky disse di stare lavorando a un nuovo Robocop, ancor più violento e splatterone del primo, tutti noi pensammo che era troppo bello per essere vero, E, ovviamente, avevamo ragione. Aronofsky si diede a film più “d’autore” (The Wrestler, Il Cigno Nero) e Robocop passò a José Padilha, noto per il pregevole Tropa de Elite. Padilha disse che si sarebbe concentrato sul lato umano della storia, essendo impossibile replicare la rabbiosa creatività del film originale.

Il risultato, come tutti se l’aspettavano, lo abbiamo sugli schermi in questi giorni.

Cosa rimane del Robocop originale, celebrazione e al tempo stesso parodia dei reaganiani anni ’80, trasportato nell’era  buonista di Obama?
...

Read More

“Ssstupiscimi!” Dimensione Terrore in Blu-ray

Il cult sconosciuto, dello sconosciuto Fred Dekker, che ha ispirato pure James Gunn e la coppia Rodriguez/Tarantino.

Di Fred Dekker avevamo parlato QUI e QUI, anche se non c’è molto da dire. Giusto la sceneggiatura di Chi È Sepolto in Quella Casa?, l’esordio da regista con Dimensione Terrore, la fase intermedia con Scuola di Mostri (scritto dall’amico Shane Black, autore di Arma Letale) e la mazzata di Robocop 3, che gli ha fottuto la carriera. Da allora poca roba, tipo un episodio della gloriosa Tales From the Crypt, e la sceneggiatura del recente The Predator (sempre in coppia con Black).

Da tempo scomparso dai radar italiani (non che abbia mai avuto grande visibilità, Dimensione Terrore (Night of the Creeps, in originale) era ricomparso miracolosamente nel 2017, quando la pic...

Read More

Goodnight For Justice: l’altro Luke Perry

Ad un mese dalla scomparsa, vogliamo ricordare l’attore idolo di Beverly Hills 902010 per una sua creazione meno nota ma più personale, la trilogia western di Goodnight For Justice.

Lo sapete tutti, lo scorso 4 marzo, a causa di un ictus, ci ha lasciati a 52 anni Luke Perry.
E lo so, da figlio degli anni ’80 e ’90 dovrei star qui a ricordare quanto era figo il suo personaggio, Dylan McKay, quanto lo adorassero le ragazzine e quanto i maschietti lo invidiassero.

Ma la verità è che io di Beverly Hills 90210 ho visto poche puntate, e quelle poche che ho visto le ho dimenticate.
Si vede che già alle elementari/medie ero nerd nell’anima. Preferivo vedere la serie tv di Flash, quella di Robocop, o (volendo proprio toccare il genere adolescenziale) Willy il principe di Bel-Air, che almeno f...

Read More

Omero e Conrad tra mandrie e cowboy: Lonesome Dove.

Torna in libreria, a 30 anni dal premio Pulitzer, il romanzo di Larry McMurtry che ha dato origine a una delle saghe letterarie e televisive più affascinanti del nostro tempo.

Spesso le avventure più grandi nascono dagli spunti più banali.
L’Odissea è la più famosa avventura di tutti i tempi, e narra di un tizio che s’è perso in mare per vent’anni tra mostri marini e giganti con un occhio solo.
Nel Signore degli Anelli c’è da gettare un anello in un vulcano.

In Lonesome Dove c’è da spostare delle vacche verso nord. Eppure nel mezzo ci sta tutto: l’amicizia virile, il conflitto tra dovere e sentimenti, l’amore non corrisposto eccetera.

IL ROMANZO

Nel 1977 Larry McMurtry era un romanziere/sceneggiatore abbastanza quotato...

Read More

Who You Gonna Call? Monster Squad! Scuola di mostri in Dvd

Il cinema per ragazzi anni ’80 incontra l’horror gotico anni ’30 in un film che se la gioca alla pari coi Goonies. A lungo dimenticato, esce finalmente in Dvd per Sinister Film.

71r4jkxyWaL._SL1081_

Sempre bravi i ragazzi della Sinister Film, che dopo aver recuperato in Dvd vari classici anni ’60 della Hammer (tra cui alcuni capolavori di Peter Cushing e Christopher Lee), inaugura il 2017 con un altro colpaccio, un titolo che i fan italiani avevano ormai perso la speranza di rivedere in italiano.

Scuola di Mostri (Monster Squad, 1987) sta a I Goonies come la Pepsi sta alla Coca Cola, come Jason Voorhees di Venerdì 13 sta a Michael Myers di Halloween, come I Cinque Samurai sta a I Cavalieri dello Zodiaco: sono chiaramente delle imitazioni, ma arrivano immediatamente dopo, quasi contemporaneamente all’...

Read More

Non invecchia proprio: i 30 anni di Highlander.

Tre decadi fa, nel mese di marzo del 1986, usciva nelle sale un film destinato non solo a entrare nell’immaginario collettivo, ma anche nei vocabolari, trasformando il significato della parola “highlander” da “abitante degli altipiani” a “immortale”. Come già fatto per Robocop e Evil Dead/La Casa, cogliamo l’occasione per dare una ripassata all’intero franchise. Cominciamo col capostipite.

Sigla:

Highlander è il caso (più unico che raro) di film prodotto a budget medio-basso ma realizzato da tanti grandi professionisti al meglio delle loro potenzialità. E che, malgrado gli incassi non esaltanti, è diventato (tra film e serie tv) uno dei titoli più “spremuti” della storia del cinema, ben oltre pellicole più costose e osannate come Indiana Jones o Ritorno al Futuro.

highlander-2-e1439641521467

La ...

Read More

TANTI AUGURI PELAPATATECOMICS!

buon compleanno
Esattamente un anno fa Pelapatatecomics cominciava a esistere. I suoi primi vagiti li ebbe con 4 simpatici articoli: uno, scritto da Giovanni, riguardava il nuovo film di Robocop, il secondo, scritto da Claudio, parlava del manga Bakuman, nel terzo Andrea si lamentava del casting del nuovo (disattesissimo) Fantastici 4, mentre io cominciavo con le prime vignette in bianco e nero di Baldo McRaptor.
Pelapatatecomics è nato principalmente per farci conoscere come fumettisti in erba. Una settimana dopo, infatti, pubblicammo la prima parte de “I Dannati”, il nostro primo fumetto “serio”. I Dannati fu la nostra prima collaborazione post scuola di fumetto, in pratica una specie di prova per valutare se davvero eravamo in grado di fare qualcosa di sensato. Nonostante l’abbiano letto davvero in pochi, abbiamo ugualmente ricevuto un sacco di pareri positivi, essenziali per farci continuare la (FATICOSISSIMA!) strada di fumettari. I Dannati non lo potete più trovare, ahinoi, in questo sito: decidemmo infatti di proporlo a un concorso che presupponeva che l’opera fosse completamente inedita, anche da qualsiasi blog. Furbescamente lo cancellammo dal sito e lo presentammo, ma la fortuna non ci sorrise e I Dannati rimane tutt’ora nel limbo di qualche computer.

In questo anno, tra alti e bassi, ci siamo comunque perfezionati. Tra articoli, recensioni, vignette di qualsiasi genere e racconti a fumetti autoconclusivi, abbiamo cercato di rendere vivo e potenzialmente interessante il blog, ma soprattutto ci siamo divertiti un sacco. Non possiamo negare molti periodi di sconforto, quale settimana in cui avremmo preferito vomitare piuttosto che metterci a scrivere o a disegnare, oppure giornate intere a scervellarci per trovare nuovi interessanti prodotti per intrattenervi o anche solo per aumentare la nostra portata di pubblico. Considerate pure che tutto quello che pubblichiamo lo facciamo nei pochissimi tempi liberi che i nostri rispettivi lavori ci permettono (perchè nel frattempo dovremo pure campare in qualche modo), e capirete benissimo che senza la nostra sfrenata passione e senza un piccolo ritorno positivo, che sia un “mi piace” o un banalissimo commento, non saremmo durati nemmeno mezzo mese. Quindi i nostri più sentiti ringraziamenti vanno a quei 20/30 individui che ogni giorno dedicano il loro tempo per vedere se su pelapatatecomics.it ci sono nuovi articoli o fumetti, e che mettono ugualmente mi piace o condividono anche se le vignette sono state fatte da uno con le occhiaie e la barba di una settimana che avrebbe preferito volentieri andare a dormire invece di stare davanti al computer. Un grazie, grazie di cuore.

Ebbene, che ne sarà del futuro di pelapatatecomics? Continuerà a esistere ancora per un po’, cercando di pubblicare il più possibile e con cadenza regolare. Ora, dal punto di vista fumettistico del termine, abbiamo intenzione di fare sul serio. Ci stiamo approntando per creare un prodotto serio, bello, ma soprattutto professionale, da pubblicare in questa sede in modo regolare. Con questo progetto avremmo anche intenzione di aumentare la portata dei nostri lavori, anche spendendo qualche piccolo risparmio per farci pubblicità, in modo di avere almeno un ritorno di pubblico per i nostri sforzi. Ma basta, per ora non voglio dirvi altro, se non di avere un attimo di pazienza e di continuare a supportarci, come sempre.
Un grazie a tutti voi e… Buon compleanno Pelapatatecomics!

happy-birthday-pelapatatecomicsPelapatate1

Read More