Robin of Sherwood: il Robin Hood completo e ragionato

Sconosciuto in Italia, il bel telefilm britannico degli anni ’80 ha rilanciato il mito di Robin Hood meglio di tante pellicole cinematografiche. Una versione talmente ampia e completa che ci ha addirittura regalato ben due incarnazioni dell’eroe.

È possibile dire qualcosa di nuovo su Robin Hood? Ridley Scott nel 2010 ha pigiato sulla violenza e sul guerresco, trasformandolo in un ibrido tra Braveheart e Il Gladiatore.

“Meno calzamaglia, più sangue in faccia.”

Mentre scrivo, l’esordiente Otto Bathurst ne ha confezionato una versione futurista con un Little John nero (Jamie Foxx) versione Obi-Wan Kenobi e action da videogame, che si sta dimostrando un flop di pubblico e critica fin dai primi giorni nelle sale.

“Robin Hood: un Assassin’s Creed in Calzamaglia”

Eppure c’è stato chi ha sapu...

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog (quinta e ultima parte)

Gli episodi precedenti QUI, QUI , QUI e QUI

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog (quarta parte)

Gli episodi precedenti QUI, QUI e QUI

 

 

(Continua…)

 

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog (terza parte)

Gli episodi precedenti QUI e QUI

 

 

(Continua…)

 

Read More

Sogno di B-movie tamarri in una notte di fine estate: Gunmen (1993)

Ferragosto è passato, ma l’estate non è ancora finita. E cosa c’è di meglio per le serate estive di un bell’action movie di serie B con ambientazione esotica? Beh, molte cose probabilmente. Ma Gunmen (1993) di Deran Sarafian ne è uno degli esempi più spassosi.

Il film perfetto per le notti estive. O per il venerdì in prima serata su Italia 1, o per una qualsiasi seconda serata su Rete 4.

Gunmen – Banditi”, titola il Dvd Cecchi Gori. “Gunmen – Doppia Azione”, circola sulle reti tv.
Io preferisco chiamarlo “Il meglio del peggio della carriera di Christopher Lambert e Mario Van Peebles”. Ma capisco che sia un po’ lungo…

Christopher Lambert, come l’Uomo Ragno o come Paperino, è simpatico perché sfortunato, quel che si dice: “un magnifico avvenire dietro le spalle”...

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog (seconda parte)

La prima parte QUI

 

 

(Continua…)

Read More

Estate in Cornovaglia: Poldark su Canale 5

Uno dei migliori period drama (sceneggiati in costume) della BBC, e Canale 5 se lo brucia le domeniche d’estate, vabbé.

Dopo che le prime due stagioni sono state trasmesse in Italia da LaEffe, canale a pagamento della Feltrinelli, Canale 5 propone in prima tv free, da domenica 8 luglio, Poldark, la serie tv britannica ambientata nel tardo ‘700 e vincitrice di numerosi premi.

La saga dei Poldark è considerata una dei migliori esempi di romanzo storico del XX secolo: dodici romanzi scritti dal 1945 al 2002 da Winston Graham (1908-2003), autore noto anche per il giallo psicologico Marnie, da cui Hitchcock trasse il suo famoso film con Sean Connery e Tippi Hedren.

Terminata la guerra d’indipendenza americana, Ross Poldark (Aidan Turner, Kili ne Lo Hobbit), se ne torna a casa, in Cornovagl...

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog

I giapponesi hanno un termine, doujinshi, per indicare delle storie a fumetti realizzate dai fan (ma anche dai professionisti) per dilettarsi coi propri personaggi preferiti, non solo del mondo delle nuvole parlanti, ma anche del cinema, dei romanzi, dei videogames, delle serie tv eccetera.

Le doujinshi vengono pubblicate gratuitamente, o vendute in quantità limitata, al fine di non ledere il diritto di copyright sui personaggi utilizzati.

Quella che noi Pelapatate vi presentiamo a puntate a partire da oggi è a tutti gli effetti una doujinshi dedicata a Dylan Dog, che il nostro Giovanni Alessi ha illustrato a partire da una storia originale dei nostri amici Giovanni Cecala e Cece Dake.

Era da un bel po’ che sul nostro sito non proponevamo i nostri lavori, l’ultimo era stato “Fuga da Sali...

Read More

R.I.P. Isao Takahata (1935-2018)

Ci ha lasciati a 82 anni Isao Takahata, socio storico del più celebre Hayao Miyazaki (e co-fondatore dello Studio Ghibli).

Diresse alcuni episodi di Lupin III (prima serie), inaugurando poi il filone World Materpiece Theatre (serie giapponesi tratte da classici della letteratura occidentale) con Heidi, Anna dai Capelli Rossi e Marco (che, pur essendo tratto dall’italiano Dagli Appennini alle Ande di De Amicis, curiosamente dei tre è il meno replicato in Italia).

Al cinema debuttò nel ’68 con La Grande Avventura del Piccolo Principe Valiant, ma il suo capolavoro arrivò vent’anni dopo, con lo straziante Una Tomba per le Lucciole (1988): ambientato durante la seconda guerra mondiale, narra del piccolo orfano Seita e della sorellina Setsuko, abbandonati a se stessi in un mondo in pezz...

Read More

L’Armata delle Tenebre: il Blu-Ray Unboxing

Del masterpiece di Sam Raimi abbiamo parlato a queste coordinate, mentre attendevamo il debutto della serie tv Ash vs Evil Dead. Oggi Passiamo in rassegna la magniloquente edizione Blu-Ray targata Midnight Factory.

Se L’Armata delle Tenebre è un classico che gode di un culto trasversale (dagli amanti dello splatter a quelli del cinema fantasy anni ’80), è anche vero che, specie al di fuori del mercato anglofono, non è mai stato uno dei primi film che i distributori pensano di ri-editare ogniqualvolta viene inventato un nuovo supporto home-video.

I primi Dvd arrivarono intorno al 1996. La prima edizione Dvd italica de L’Armata (firmata Storm) giunse solo nel 2003. Occorsero altri quattro anni per avere anche da noi l’edizione MGM/FOX, identica a quella distribuita in altri Paesi.

 

Il ...

Read More