Il grande dimenticato: “Il Mucchio Selvaggio” 50 anni dopo.

Nel giugno di 50 anni fa, usciva nelle sale Il Mucchio Selvaggio, l’ultimo grande western classico, nonché il film con cui il (cattivo) maestro Sam Peckinpah si rimboccò le maniche e mise in riga tutti i registi di questo mondo su come si girano le scene d’azione. Oggi, che si vocifera di un remake affidato a Mel Gibson, ripercorriamo la storia dell’originale e del suo regista.

Ultimamente, proprio nel cinquantennale del film (1969-2019) si parla di un remake de Il Mucchio Selvaggio. La regia dovrebbe essere di Mel Gibson e tra gli interpreti dovrebbero figurare Michael Fassbender, Jamie “Django”Foxx, e Peter “Lannister” Dinklage.

Come? Non avete mai sentito nominare Il Mucchio Selvaggio?!?

Beh, non mi stupisce...

Read More

Game of Thrones: perché continua a non piacermi, e non piace più neanche a voi

Siedi sulla riva di un fiume e aspetta. Un giorno vedrai passare il cadavere del tuo nemico”
(Confucio)

Anni fa scrissi Game of Thrones: perché non mi piace, il mio articolo più letto e più contestato. Ora che è finita la menata la saga è giunta alla sua epica conclusione, molti sono rimasti delusi al punto da indire una petizione per rigirare l’ultima stagione da capo.

A me, che non ho mai granché apprezzato Il Trono di Spade fin dall’inizio, la cosa non ha fatto né caldo né freddo. Vorrei solo spendere due parole sulle cose che non mi hanno convinto (e che a quanto pare non hanno convinto neanche voi).

Posa finale da teen drama per alzare la qualità

1 – Zombie apocalypse < Crisi di governo

Sarò strano io, ma ho sempre pensato che un’invasione di zombie fosse un’anticchia ...

Read More

Non può piovere per un quarto di secolo: i 25 anni de “Il Corvo”

Il 13 maggio 1994 usciva nelle sale Il Corvo. Divenuto instant-cult, è stato poi ridimensionato in base alla scuola di pensiero del: “Eh, ma se non moriva Brandon, Il Corvo restava un filmetto da venerdì sera su Italia 1…”. Beh, questa NON è la nostra filosofia.

Tra i miei cinecomic preferiti, Il Corvo è quello che riguardo di meno. Sarà la sua fama di film maledetto, ma sta di fatto che una volta l’ho guardato ed è crollato un pezzo di cornicione da casa mia, un’altra volta mio padre ha avuto una emorragia dal naso e ho dovuto portarlo di notte al pronto soccorso. Insomma, come si dice: “Non è vero, ma ci credo”.

Vabbé, finite le note autobiografiche (e sperando di arrivare vivo alla fine dell’articolo), partiamo con la sigla:

Una vecchia leggenda narra che, quando accade qu...

Read More

Goodnight For Justice: l’altro Luke Perry

Ad un mese dalla scomparsa, vogliamo ricordare l’attore idolo di Beverly Hills 902010 per una sua creazione meno nota ma più personale, la trilogia western di Goodnight For Justice.

Lo sapete tutti, lo scorso 4 marzo, a causa di un ictus, ci ha lasciati a 52 anni Luke Perry.
E lo so, da figlio degli anni ’80 e ’90 dovrei star qui a ricordare quanto era figo il suo personaggio, Dylan McKay, quanto lo adorassero le ragazzine e quanto i maschietti lo invidiassero.

Ma la verità è che io di Beverly Hills 90210 ho visto poche puntate, e quelle poche che ho visto le ho dimenticate.
Si vede che già alle elementari/medie ero nerd nell’anima. Preferivo vedere la serie tv di Flash, quella di Robocop, o (volendo proprio toccare il genere adolescenziale) Willy il principe di Bel-Air, che almeno f...

Read More

Ultimo dei classici, primo dei moderni: i 30 de La Sirenetta (in 4K)

Sono passati 30 anni da quando La Sirenetta segnò la nascita di una nuova età dell’oro in casa Disney. Per l’occasione in U.S.A. Esce una versione 4K che finalmente fa giustizia delle passate edizioni digitali non proprio perfette.

La storia la ricordiamo tutti: la sirenetta Ariel, incuriosita dagli umani, s’innamora del principe Eric dopo averlo salvato da un naufragio. Ma suo padre, re Tritone, iperprotettivo e prevenuto verso gli umani, le proibisce ogni contatto col mondo in superficie.

Ariel stringe allora un patto con Ursula, la strega del mare: in cambio della sua voce, Ariel avrà le gambe. Ma, se entro tre giorni non riuscirà a strappare ad Eric il bacio del vero amore, Ariel tornerà una sirena, e apparterrà per sempre a Ursula.

Impresa non facile, dato che della sua salvatr...

Read More

Decamerotico: 14 film per rivalutare il filone (seconda parte)

La prima parte QUI

8- Racconti Proibiti… Di Niente Vestiti (di Brunello Rondi, 1972)

Lorenzo del Cambio (Rossano Brazzi) poeta dongiovanni, ha passato la vita girovagando nei monasteri e fornicando con ogni suora gli andasse a genio grazie a una bolla papale contraffatta. Un giorno, per compiacere un’amica, prende sotto la sua ala Uccio, figlio di quest’ultima.

Per iniziare il giovane all’amore e alle altre questioni della vita, Lorenzo gli racconta le piccanti esperienze di vari conoscenti. Uccio imparerà a dovere, al punto di rubare la bolla papale al suo mentore. Ormai stanco, Lorenzo decide di ritirarsi e passare il testimone. Trovatosi faccia a faccia con la Morte, scoprirà che questa ha le sembianze di una donna bella e poco vestita, accettando quindi la fine di buon grado.

Gli...

Read More

Decamerotico: 14 film per rivalutare il filone (prima parte)

Sbocciato in fretta, presto abbandonato, è considerato il punto più becero del cinema italico. Eppure, rivisto nell’epoca del Trono di Spade, Spartacus ecc., il Decamerotico fa quasi tenerezza. Abbiamo selezionato quattordici pellicole del genere boccaccesco che vi faranno rivalutare il genere, o tutt’al più vi strapperanno qualche risata.

Nel 1972 Pier Paolo Pasolini diresse Il Decameron, tratto dalla celeberrima raccolta di novelle di Giovanni Boccaccio e primo capitolo di quella “trilogia della vita” proseguita con I Racconti di Canterbury e Il Fiore delle Mille e una Notte.
Quello che Pasolini non poteva prevedere era che il successo dei suoi film avrebbe dato origine a un vero e proprio filone all’interno della commedia sexy italiana anni ’70, il cosiddetto “decamerotico” o co...

Read More

INCRINE: Una storia condivisa

Qualche mese fa, sulla nostra pagina Facebook, vi avevamo accennato ad Incrine un progetto a fumetti collettivo, ideato e scritto da Massimo Faini e disegnato da oltre 70 artisti tra professionisti ed esordienti, tra cui il nostro Giovanni Alessi.

Mercoledì 19 dicembre, alle ore 21:00, presso la Biblioteca di Palazzolo Sull’Oglio (Bs) in via Lungo Oglio C. Battisti 17, si terrà la presentazione ufficiale dell’opera.
L’organizzazione dell’evento è a cura dell’associazione Tabula Rasa. Lo sceneggiatore e alcuni dei disegnatori saranno presenti per rispondere a domande, firmare copie eccetera.

La sinossi dell’opera

Un uomo si risveglia nella spazzatura con un proiettile in testa e senza più alcun ricordo...

Read More

Robin of Sherwood: il Robin Hood completo e ragionato

Sconosciuto in Italia, il bel telefilm britannico degli anni ’80 ha rilanciato il mito di Robin Hood meglio di tante pellicole cinematografiche. Una versione talmente ampia e completa che ci ha addirittura regalato ben due incarnazioni dell’eroe.

È possibile dire qualcosa di nuovo su Robin Hood? Ridley Scott nel 2010 ha pigiato sulla violenza e sul guerresco, trasformandolo in un ibrido tra Braveheart e Il Gladiatore.

“Meno calzamaglia, più sangue in faccia.”

Mentre scrivo, l’esordiente Otto Bathurst ne ha confezionato una versione futurista con un Little John nero (Jamie Foxx) versione Obi-Wan Kenobi e action da videogame, che si sta dimostrando un flop di pubblico e critica fin dai primi giorni nelle sale.

“Robin Hood: un Assassin’s Creed in Calzamaglia”

Eppure c’è stato chi ha sapu...

Read More

Il Quarto Peccato: una doujinshi di Dylan Dog (quinta e ultima parte)

Gli episodi precedenti QUI, QUI , QUI e QUI

Read More