Gotico Orobico: “Sherlock Holmes, Padre Brown e l’ombra di Dracula”

Lo scrittore Rino Casazza fa incontrare il più famoso dei detective e quello più insolito in una macabra indagine in nord Italia.

Secondo Antonio Gramsci, Padre Brown sarebbe un investigatore ancor più bravo di Sherlock Holmes.
La creatura di Arthur Conan Doyle, infatti, rappresenta la mentalità pragmatica e terra-terra tipica dei protestanti e degli anglosassoni: raccoglie le prove e ricostruisce i fatti. Senza indizi, non saprebbe che pesci pigliare.
Invece Padre Brown (il prototipo di tutti i preti detective, creato da Gilbert Keith Chesterton nel 1910), pur non disdegnando l’investigazione scientifica ragiona anche sul movente, grazie alla sua conoscenza dell’animo umano maturata ascoltando per anni i suoi fedeli in confessione. È, diremmo oggi, un profiler ante-litteram.

Cosa s...

Read More

Due chiacchiere su Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle

Nell’augurarvi buone feste, recensiamo l’ultimo classico Disney. Che ci ha lasciati un po’ meh…

Innazitutto, Frozen 1 era un bel film?
Non ho mai compreso come un film (per me) perfetto e privo di punti deboli come Il Pianeta del Tesoro sia stato un flop mostruoso, mentre Frozen sia stato il maggior incasso Disney di sempre. Un film dove la logica fa acqua da tutte le parti: da dove nasce la magia di Elsa? Chi ha governato Arendelle mentre raggiungeva la maggiore età? Come ha fatto a raggiungere la cima della Montagna del Nord in poche ore mentre Anna e Kristoff ci mettono un giorno e una notte?

Tuttavia, la Disney non puntava all’oscar per la miglior sceneggiatura; voleva svecchiare la formula della fiaba classica smontandone con ironia molti stereotipi (l’amore a prima vista, il bacio ...

Read More

Hercules: fu vero trash?

Esattamente vent’anni fa, il 22 novembre 1999, andava in onda negli USA l’ultima puntata di Hercules: The Legendary Journeys. La serie che (insieme al suo spin-off Xena) ha sdoganato il genere fantasy in tv.
Ritenuto da molti una cafonata ignorante, è in realtà l’opera con cui Sam Raimi ha portato avanti quella sua poetica cazzaro-citazionista che aveva già sfoggiato nel cinema horror. Ripercorriamone la storia.

QUESTA È LA STORIA DI UN TEMPO LONTANISSIMO…

All’inizio degli anni ’90 Sam Raimi era ancora lontano dal diventare, grazie ai fasti della trilogia di Spider-Man (o almeno i primi due) uno dei più influenti registi di Hollywood, ma s’era già guadagnato il suo zoccolo duro d’estimatori grazie alla trilogia di Evil Dead, nota in Italia come La Casa, La Casa 2 e L’Armata delle...

Read More

Ad Halloween il Blu-ray di Halloween col film di Halloween

Quest’anno festeggiamo Halloween con l’arrivo dell’edizione Blu-ray 4K dell’omonimo capolavoro di John “Grosso Guaio” Carpenter.

I ragazzi di Midnight Factory/Koch Media, dopo lo sfavillante cofanetto a 7 dischi de L’Armata delle Tenebre, ha messo a segno un altro colpaccio.
Quest’anno, proprio il 31 ottobre, uscirà, per la prima volta in alta definizione per il nostro Paese, il capolavoro che ha fatto la Storia dell’horror-thriller dagli anni ’70 ad oggi: Halloween – La Notte delle Streghe (1978)
Sigla:

Non puoi distruggere il Male. Puoi sparargli, seppellirlo, pregare che muoia, ma lui è sempre là fuori che ti aspetta. È qualcosa di eterno e incombente, anche nei posti quotidiani e anonimi...

Read More

Joker Leone D’Oro? Ridi, Pagliaccio!

Più un cinecomic è poco “comic” e più viene incensato. C’è poco da stare allegri…

OK, l’abbiamo saputo tutti. Joker, il film sulle origini della nemesi di Batman, diretto da Todd Phillips (Una Notte da Leoni) ma pesantemente supervisionato da Martin Scorsese, ha vinto il Leone D’Oro a Venezia.
Il film è un capolavoro assoluto, Joaquin Phoenix è il più grande attore di tutti i tempi, bla bla bla…

Ma cosa sappiamo da quanto è trapelato dal trailer e da vari rumors?
Che la pellicola non ha nulla da spartire con la genesi del personaggio come narrata nei fumetti, e che gli unici legami con la pagina disegnata sono la presenza di Thomas Wayne (interpretato da Brett Cullen, lo sceriffo Sam Cain de I Ragazzi della Prateria), un piccolo Bruce (che, data la differenza d’età, da grand...

Read More

Le quotidiane (dis)avventure di un giustiziere metropolitano: City Hunter torna al cinema.

Il 2-3-4 settembre Dynit e Nexo Digital portano nelle sale italiane City Hunter: Private Eyes, il nuovo film animato tratto dal manga cult del maestro Tsukasa Hojo, che ci regala anche un inaspettato crossover col suo capolavoro precedente, Cat’s Eye – Occhi Di Gatto. Quale occasione migliore, quindi, per dare una ripassata a uno dei manga/anime più popolari di sempre?

City Hunter è realizzato a partire dal 1985 al 1992 come manga (sulla rivista Shonen Jump), e dal 1987 al 1991 come anime.
Per varie questioni, sia la versione cartacea sia quella animata sono giunte in Italia solo a partire dal ’96: Il manga è stato pubblicato dalla Star Comics in 39 numeri mensili, dal settembre di quell’anno al marzo del ’99...

Read More

Il grande dimenticato: “Il Mucchio Selvaggio” 50 anni dopo.

Nel giugno di 50 anni fa, usciva nelle sale Il Mucchio Selvaggio, l’ultimo grande western classico, nonché il film con cui il (cattivo) maestro Sam Peckinpah si rimboccò le maniche e mise in riga tutti i registi di questo mondo su come si girano le scene d’azione. Oggi, che si vocifera di un remake affidato a Mel Gibson, ripercorriamo la storia dell’originale e del suo regista.

Ultimamente, proprio nel cinquantennale del film (1969-2019) si parla di un remake de Il Mucchio Selvaggio. La regia dovrebbe essere di Mel Gibson e tra gli interpreti dovrebbero figurare Michael Fassbender, Jamie “Django”Foxx, e Peter “Lannister” Dinklage.

Come? Non avete mai sentito nominare Il Mucchio Selvaggio?!?

Beh, non mi stupisce...

Read More

Game of Thrones: perché continua a non piacermi, e non piace più neanche a voi

Siedi sulla riva di un fiume e aspetta. Un giorno vedrai passare il cadavere del tuo nemico”
(Confucio)

Anni fa scrissi Game of Thrones: perché non mi piace, il mio articolo più letto e più contestato. Ora che è finita la menata la saga è giunta alla sua epica conclusione, molti sono rimasti delusi al punto da indire una petizione per rigirare l’ultima stagione da capo.

A me, che non ho mai granché apprezzato Il Trono di Spade fin dall’inizio, la cosa non ha fatto né caldo né freddo. Vorrei solo spendere due parole sulle cose che non mi hanno convinto (e che a quanto pare non hanno convinto neanche voi).

Posa finale da teen drama per alzare la qualità

1 – Zombie apocalypse < Crisi di governo

Sarò strano io, ma ho sempre pensato che un’invasione di zombie fosse un’anticchia ...

Read More

Non può piovere per un quarto di secolo: i 25 anni de “Il Corvo”

Il 13 maggio 1994 usciva nelle sale Il Corvo. Divenuto instant-cult, è stato poi ridimensionato in base alla scuola di pensiero del: “Eh, ma se non moriva Brandon, Il Corvo restava un filmetto da venerdì sera su Italia 1…”. Beh, questa NON è la nostra filosofia.

Tra i miei cinecomic preferiti, Il Corvo è quello che riguardo di meno. Sarà la sua fama di film maledetto, ma sta di fatto che una volta l’ho guardato ed è crollato un pezzo di cornicione da casa mia, un’altra volta mio padre ha avuto una emorragia dal naso e ho dovuto portarlo di notte al pronto soccorso. Insomma, come si dice: “Non è vero, ma ci credo”.

Vabbé, finite le note autobiografiche (e sperando di arrivare vivo alla fine dell’articolo), partiamo con la sigla:

Una vecchia leggenda narra che, quando accade qu...

Read More

Goodnight For Justice: l’altro Luke Perry

Ad un mese dalla scomparsa, vogliamo ricordare l’attore idolo di Beverly Hills 902010 per una sua creazione meno nota ma più personale, la trilogia western di Goodnight For Justice.

Lo sapete tutti, lo scorso 4 marzo, a causa di un ictus, ci ha lasciati a 52 anni Luke Perry.
E lo so, da figlio degli anni ’80 e ’90 dovrei star qui a ricordare quanto era figo il suo personaggio, Dylan McKay, quanto lo adorassero le ragazzine e quanto i maschietti lo invidiassero.

Ma la verità è che io di Beverly Hills 90210 ho visto poche puntate, e quelle poche che ho visto le ho dimenticate.
Si vede che già alle elementari/medie ero nerd nell’anima. Preferivo vedere la serie tv di Flash, quella di Robocop, o (volendo proprio toccare il genere adolescenziale) Willy il principe di Bel-Air, che almeno f...

Read More